DC Rinascita: Batman Il Cavaliere Oscuro 1 – Recensione

Grazie a DC Rinascita abbiamo visto l’uscita di tante nuove saghe. Alcune convincenti, altre meno. Batman però ci ha preso in pieno grazie alla storia di Gotham e l’altra dedicata al team che Batman ha ingaggiato per combattere un male superiore. Mancava all’appello però una testata a lungo desiderata fin dal primo annuncio, All-Star Batman. Cosi RW Edizioni ha pubblicato Batman: Il Cavaliere Oscuro, l’albo contenente All-Star Batman, Batgirl e Batgirl and the Birds of Prey.

All-Star Batman

Questa prima storia ci trasporta molto lontano da Gotham City. Un viaggio on the road in cui i capitoli sono scanditi dai chilometri percorsi. Batman si ritrova a viaggiare con quello che un tempo ormai distante era un suo amico, Harvey Dent, Due Facce. Non vogliamo ancora svelarvi molto della storia perché potrebbe essere uno spoiler non da poco. Vi diciamo solo che potrebbe emergere un lato molto più oscuro del cavaliere in questo viaggio.
Scott Snyder è partito in quinta con una storia che sembra già trascinarci attraverso un percorso ben delineato e costruito. Non abbiamo mai la sensazione che i dialoghi siano d’impiccio, ma al contrario. La resa narrativa dell’opera è piuttosto lodevole e anche il titolo: Il mio peggior nemico (My own worst enemy). Sembra infatti ricalcare una vecchia serie televisiva, fallita con la prima stagione purtroppo. Dietro alle matite invece troviamo John Romita Jr., che sembra essersi divertito parecchio nel ricreare le movimentate scene di cui è composta la storia.




Subito dopo quella storia parte un’altra storia della testata All-Star, La Ruota Maledetta. Stavolta abbiamo la nuova spalla di Batman nel centro delle vicende, Duke Thomas. Il ragazzo vuole imparare il mestiere del crociato, ma non è disposto a diventare una mera ombra come i vari Robin. Desidera qualcosa di più per la propria sorte.
Come per la stroria precedente, anche stavolta la scrittura è di Scott Snyder, ce con grande capacità gestisce i tempi di narrazione di una storia che in futuro potrebbe promettere bene. La parte grafica è invece di Declan Shalvey, che nonostante alcune scene un po’ incerte, ricrea una storia stilisticamente interessante.

Batgirl

Ci spostiamo verso la terza storia, dedicata a Barbara Gordon – Batgirl – Oracolo e ora nuovamente Batgirl. La storia vede una Babs che vuole distaccarsi dalla solita vita e solite conoscenze e si dirige verso il paese del Sol Levante per cercare qualcosa al livello interiore. Qui ritrova una sua vecchia conoscente, Volpe Volante, ma qualcosa non quadrerà. La sceneggiatura di Hope Larson è veloce e senza momenti di stasi. I dialoghi volano con una leggerezza che apprezziamo per una lettura veloce e senza intoppi. Rafael Albuquerque accompagna una tale sceneggiatura con uno stile veloce e punzecchiante. Le scene d’azione sono descritte in modo interessante da parecchi punti di vista.

Batgirl and the Birds of Prey

L’ultima storia di Batman: Il Cavaliere Oscuro ha di nuovo come protagonista Batgirl, ma stavolta con una storia e narrazione diverse. Si parte con una reminiscenza di quel brutto periodo qual era il massacro di Barbara da parte di Joker, che possiamo leggere nell’albo The Killing Joke di Alan Moore e Brian Bolland. Un momento tragico per la ragazza, che però non si è persa d’animo e anche sulla sedia a rotelle la ricordiamo come l’Oracolo. Ora che è Batgirl, la sua vecchia identità è stata presa da un pirata informatico, che potrebbe anche avere molte informazioni su tutta la batfamily. Per aiutare la ragazza viene in soccorso la sua vecchia amica, Black Canary.

Stavolta dietro la sceneggiatura troviamo un duo in gamba, Julie e Shawna Benson. Purtroppo alcuni momenti sono abbastanza lenti, considerato soprattutto il ritmo serrato delle precedenti tre storie. Claire Roe ha sapientemente curato i disegni grazie a un uso delle matite leggero e veloce. Le inquadrature non sono molto evocative, ma caratterizzano bene i personaggi.




Batman Il Cavaliere Oscuro 1

Batman Il Cavaliere Oscuro 1

9


Rostislav Kovalskiy

Written by: Rostislav Kovalskiy

Un giovane appassionato del mondo videoludico e di tutto ciò che lo circonda. Cresciuto con i videogiochi e libri tra le mani ha deciso di unire la sua passione per la scrittura con quella per i videogiochi ed ecco perché si trova qui.

HAVOC POINT

Havoc Point non costituisce una testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 7/3/2001.
Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari.
Tutti i diritti sono riservati.