Caput Mundi – I mostri di Roma – Recensione

Non tutti, ma qualcuno conosce Pietro Battaglia, il protagonista dell’omonima serie edita dall’editoriale Cosmo e dalla mente di Roberto Recchioni. Mente che continua a produrre le storie e i fumetti come se non ci fosse un domani. Passando a tutto questo si può dire che Battaglia è solo l’inizio di qualcosa di più grande, un universo grande e coeso con altri personaggi che ci si muovono senza alcun problema. Iniziamo con Caput Mundi, una miniserie di sei volumi che inizia con il primo numero uscito a fine settembre, I Mostri di Roma.




La città eternamente dannata

Roma, la capitale d’Italia. Tutte le strade portano a Roma. Potrei continuare a lungo con i luoghi comuni sulla città, ma dovrei stopparmi. Si tratta di una storia che inizia nei quartieri malfamati della capitale, che tra le bellezze architettoniche e le turiste nasconde una micro criminalità che nulla ha da invidiare a quella vita nel Romanzo Criminale (la serie tv ovviamente). I protagonisti dell’opera sono tre uomini di cui conosciamo pressoché solamente i soprannomi: Nero, il Bimbo e l’Inglese. Tre personaggi scurrili e violenti che vorrebbero sfondare e diventare i re nell’impero del crimine. Ad attuare un bel piano per un facile guadagno ci pensa una bella donna di nome Greta, con i suoi scagnozzi. Purtroppo, talvolta, volando troppo vicino al sole si rischia di bruciarsi perché Roma è popolata da mostri ben peggiori dai teppisti, criminalità organizzata e persino dei lupi. Nella città abita Pietro Battaglia e del Vaticano.

Un pulp romano

Devo ammetterlo, ci voleva proprio un fumetto di questa portata nel panorama attuale italiano. Un pulp ambientato a Roma dal gusto molto dark con delle parti action. Immergersi all’interno della lettura è un’esperienza affascinante e fuori dal comune, ma partendo dall’inizio, si finisce la lettura all’ultima pagina senza rendercene conto. Il duo Michele Monteleone e Dario Sicchio funziona in ogni parte della storia, con dei testi maturi e dei dialoghi che si ispirano ai film sulla malavita. Personalmente non vedo l’ora di leggere il continuo della storia e di conoscere altri personaggi provenienti dall’universo horror collettivo. I disegni sono invece firmati dal giovanissimo Pietrantonio Bruno. Intendiamoci, si tratta di un disegnatore del 1996 che sta mostrando la sua bravura in modo chiaro. Le scene d’azione a volte possono avere un piccolo traballo, ma ragazzi, la qualità generale è da spacca mascella, senza mezzi termini. Molto belli poi i primi piani, che sopratutto con Pietro Battaglia, procurano quasi dei brividi.

Autore: Michele Monteleone, Dario Sicchio (sceneggiatura)

Pietrantonio Bruno (disegni)

Editore: Sergio Bonelli Editore
Genere: Azione – Thriller – Horror
Prezzo: 5.00€
Data: Settembre 2017




Rostislav Kovalskiy

Written by: Rostislav Kovalskiy

Un giovane appassionato del mondo videoludico e di tutto ciò che lo circonda. Cresciuto con i videogiochi e libri tra le mani ha deciso di unire la sua passione per la scrittura con quella per i videogiochi ed ecco perché si trova qui.

HAVOC POINT

Havoc Point non costituisce una testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 7/3/2001.
Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari.
Tutti i diritti sono riservati.