Fumetti Recensioni

Marvel Two-In-One #11 – Recensione

Marvel Two-In-One

Alcuni eroi tornano, altri ci lasciano. I Fantastici Quattro come sapete sono di nuovo insieme, pronti a regalarci tantissime nuove avventure piene di magia e meraviglia che vediamo ogni volta. Ovviamente tutto a tempo debito e dopo diversi anni di separazione deve passare un po’ di tempo prima che le cose tornino più o meno come prima. In attesa del terzo numero della testata, ho pensato di parlarvi dell’undicesimo numero della serie Marvel Two-In-One, che funge proprio da tie in alla serie madre e che ci da la possibilità di scoprire qualcosa in più su Reed e sul perché ha lasciato il gruppo insieme sua moglie e i figli.

La famiglia

Nel secondo numero dei Fantastici Quattro abbiamo finalmente visto tutta la famiglia riunita, insieme a tantissimi altri eroi a seguito. In questo numero vediamo un momento particolare per Ben e Reed, che condividono insieme un viaggio attraverso gli universi paralleli e attraverso alcune fasi del dolore. Ben ovviamente è felice per questo ritorno, ma lui e Johnny credevano che tutta la famiglia fosse morta e ovviamente ciò ha creato una certa rabbia. La rabbia che per un istante si è scatenata contro il “cervellone”, ma che poi ha trovato una certa pace. L’albo è infatti un’introspezione nella mente del buon Reed, che mostrerà al suo amico qualcosa di inatteso e particolare. Quel qualcosa farò sorgere alcune domande anche a noi lettori, chiaramente.

Il caso

La sceneggiatura di Chip Zdrasky funziona in questo albo di Marvel Two-In-One  non annoia nemmeno per un momento il lettore. Ovviamente l’azione è ridotta all’osso proprio per una questione narrativa. In questo albo la cosa importante è scoprire qualcosa di più di Reed e delle sue motivazioni e queste potrebbero sembrare futili, ma in realtà hanno un senso se guardiamo la questione da una prospettiva più alta. I dialoghi la fanno da padrone con delle reazioni emotive che sicuramente vanno al pari con le nostre aspettative.

Dietro alle matite troviamo Ramon Perez, che riesce nel suo intento di descrivere l’azione, ma forse non nel migliore dei modi. Si poteva sicuramente osare di più da questo punto di vista, ma comunque la qualità costruttiva delle vignette e dei personaggi che occupano lo spazio è funzionale e finisce per aumentare il climax. Il testo e il disegno finiscono per lavorare all’unisono in un viaggio davvero interessante.

Marvel Two-In-One

Sull'autore

Rostislav Kovalskiy

Rostislav Kovalskiy

Un giovane appassionato del mondo videoludico e di tutto ciò che lo circonda. Cresciuto con i videogiochi e libri tra le mani ha deciso di unire la sua passione per la scrittura con quella per i videogiochi ed ecco perché si trova qui.