Marco Polo: La Via della Seta – Recensione

Marco Polo: La Via della Seta

Storia: Marco Tabilio
Disegni: Marco Tabilio
Genere: Storico
Numero di volumi: 1 (auto-conclusivo)
Editore italiano: Beccogiallo
Rilegatura: Brossura
Pagine: 208, colore
ISBN: 9788897555445
Prezzo: 18.00€

Il fumetto italiano ha mille sfumature e mille odori. Spesso il fumetto italiano è capace di raccontare delle grandi storie usando dei disegni semplici e poco dettagliati, ma non per questo meno affascinanti rispetto a quelli più realistici.ed È il caso del fumetto Marco Polo: La Via della Seta, disegnato e scritto dalla sapiente mano di Marco Tabilio ed edito da Beccogiallo al prezzo di 18 euro.

Il Milione di Marco Polo

Marco Polo, il navigatore esperto, si risveglia in una cella a Venezia con una persona, Rustichello di Pisa. Dopo le prime titubanze i due iniziano a parlare e l’uomo decide di trascrivere le fantastiche avventure di Marco nelle Indie, partendo dalla sua infanzia. Tra una storia e l’altra, però, verremo trasportati di nuovo nel mondo reale con una guerra in corso e con i protagonisti rinchiusi in una cella. Il viaggio sarà quindi percorso da entrambi i lati. Da un lato avremo Marco Polo che viaggerà attraverso le terre di Kublai Khan, mentre dall’altra parte ci sarà Venezia, Marco rinchiuso in un prigione e Rustichello intento a scrivere le sue avventure.

Le emozioni hanno colori

Marco Polo: La Via della Seta è un fumetto che possiede molteplici chiavi di lettura. Una di questa è associabile ai colori che prevarranno sullo sfondo. In tutti i casi ci troveremo davanti a un certo monocromatismo, ma questo non sarà mai totale, ma parziale. L’opera è divisa in tanti frangenti e ognuno ha un suo colore predominante ed è proprio grazie a questo colore che possiamo comprendere l’emozione o la sensazione ci vuole trasmettere. Si tratta di una tecnica utilizzata anche da altri pittori, uno tra tutti, Van Gogh. Tramite le diverse colorazioni riusciremo a comprendere e farci immergere in un mondo fantastico, fatto di fantasia e realtà, che finiranno per mischiarsi in un vorticoso turbinio di informazioni.

La semplicità vince

Come abbiamo già detto, Marco Polo: La Via della Seta presenta un tratto molto semplice e poco dettagliato che non dipinge i volti dei personaggi o i luoghi in modo minuzioso, ma piuttosto qui si lascia spazio alla fantasia. Questa gioca infatti un ruolo fondamentale nella creazione degli spazi nei quali si muovono i personaggi e che riusciranno a trasmetterci svariate emozioni grazie alla composizione cromatica o grazie alle frasi, che a volte saranno facili da comprendere, a volte saranno un po’ più criptiche. A fine opera troveremo poi delle pagine con la vita di Marco Polo sintetizzata e ciò potrà piacere ai più curiosi, che dopo aver finito la lettura potranno scoprire qualcosa di nuovo.

La carta canta

Quello prodotto da Beccogiallo è come sempre un volume pregiato, fatto con della carta spessa che si fa sentire tra le dita durante la lettura. Viene quindi giustificato anche cosi il prezzo di 18 euro, che per qualcuno potrebbero essere una somma piuttosto alta. Come ogni grande fumetto, però, quello su Marco Polo è un racconto che vale il prezzo designato. La copertina ruvida da la sensazione di toccare qualcosa di antico e forse fa trasmigrare le prime emozioni, sopratutto grazie al disegno su questa che sembra uscito direttamente da qualche quadro contenuto in un museo.

Sull'autore

Rostislav Kovalskiy

Un giovane appassionato del mondo videoludico e di tutto ciò che lo circonda. Cresciuto con i videogiochi e libri tra le mani ha deciso di unire la sua passione per la scrittura con quella per i videogiochi ed ecco perché si trova qui.

Instagram