E3 2017 Microsoft

E3 2016: Conferenza Microsoft – Recap

Quella di Microsoft è stata una conferenza presenziata a dovere, con un ritmo pazzesco, senza incorrere il rischio di comportare delusioni. In attesa di ricevere la contro risposta di Sony, possiamo ricapitolare nelle prossime righe cosa ci ha riservato questa conferenza.

Il primo colpo sparato è la nuova console, Xbox One S, disponibile a partire dal mese di agosto. È evidente un miglioramento di un monolite che si pone a metà del suo ciclo di vita: sarà più sottile del 40%, supporterà i video e blu-ray in 4K, gaming HDR, un controller wireless maggiormente raffinato, e beneficerà di un alimentatore integrato. Il tutto sarà acquistabile al prezzo di 299$. C’è da rimarcare un’insistenza forte di Microsoft sull’ideazione di un’ecosistema condiviso tra l’attuale Xbox One e Windows 10. Infatti, Rod Fergusson di The Coalition ha orgogliosamente presentato Xbox Anywhere, una specie di cross-buy e cross-play digitale tra le due piattaforme in questione.

Microsoft

Il palcoscenico si illumina con la diffusione del nuovo materiale inerente a Gears of War 4, in cui compare un vecchio Marcus Fenix. Una delle eccezioni rilevanti è che il titolo sarà fruibili anche su PC. Si è proseguito con Killer Instinct, il roster popolare di Xbox One, il quale ospiterà nuovi personaggi come Battletoads, l’Arbiter di Halo e il generale RAAM di Gears of War. La novità più succosa è designata da Forza Horizon 3, titolo automobilistico impostato in Australia che prevede una campagna in co-op da portare a termine fino a quattro giocatori, e si prefissa essere “il più imponente open-world”. Forza Horizon 3 sarà disponibile a partire dal 27 settembre per Xbox One e PC.

L’ammiraglia Microsoft sembra inarrestabile e lascia un discreto spazio riservato a ReCore, una produzione di Keiji Inafune, con il quale si è scatenato in un trailer che introduce i personaggi appartenenti al roster. A sorpresa è giunto sul palco anche Hajime Tabata per far esibire ancora il suo pupillo, Final Fantasy XV, con il principe Noctis e i suoi compagni alle prese di una missione speciale che presagisce un combattimento contro un titano.

La sfilza dei titoli continua e quindi è toccato a The Division mostrarsi con un nuovo DLC, purtroppo reduce da un avvilente debutto a seguito del lancio. Poco dopo si sono aperte le parentesi indirizzate a Minecraft, We Happy Few – esperienza onirica concepita dai creatori di BioShock – e Gwent The Witcher Game – esclusiva temporale Xbox One e PC di CD Projekt RED che si poggia sulle basi di un Hearthstone e Magic.

Michael Murray e Katsuhiro Harada di Bandai Namco sono saliti sul palco per mostrare in sordina Tekken 7, disponibile anche per la console di Microsoft e PC verso gli inizi del 2017. A corredo di tale presentazione, è stato reso noto che Tekken Tag Tournament 2 sarà gratuito per tutti i possessori di Xbox Live Gold, tuttavia, per un periodo di tempo alquanto limitato. È toccato poi a Dead Rising 4, ufficializzato dopo una caterva di indiscrezioni apparse negli ultimi giorni, che sembra riaffiorare le atmosfere del primo e immenso capitolo: si tratta anche questa un’esclusiva prevista per i consueti Xbox One e PC.

Microsoft

Altri pesi massimi della conferenza sono stati Scalebound, celatosi dietro un filmato che ci mostra un scontro con la boss fight mai originata da Platinum Games; Sea of Thieves, che ci trasformerà in un pirata in cui sarà possibile salpare con la propria nave verso terre molto lontane, guerreggiando contro altre ciurme guidate dagli utenti reali; e State of Decay 2, seguito dell’omonimo capitolo, pronto a farci sopravvivere di nuovo all’apocalisse zombie. I tre progetti soprammenzionati saranno come di norma per Xbox One e PC nel 2017. Infine, Dan Ayioub di 343 Industries si è reso partecipe della conferenza annunciando che Halo Wars 2 uscirà sugli scaffali il 21 febbraio 2017 e godrà di una fase beta pubblica che ha già preso il via da oggi.

Quando tutto sembra terminare, Phil Spencer è tornato sul palcoscenico per sganciare l’ultima bomba, peculiarmente un mostro: il Project Scorpio, una console di una CPU da 8 core, capacità computazionale di 6 Teraflops con il supporto del gaming a 4K, in arrivo verso la fine del 2017. Tutto sommato, Microsoft ha dimostrato un impegno profuso, cercando di perseguire una conferenza senza interruzioni e lungaggini. Il che suona bene, poiché il tragitto imboccato è quello giusto. Non ci resta che sapere la risposta di Sony.

Microsoft

Sull'autore

Luigi Fulchini

Studente e uno dei fondatori di HavocPoint.it. Scrive di videogiochi.

Instagram