Gli Incredibili (2004) – Recensione

Genere: Animazione
Regia: Brad Bird
Durata: 100 minuti
Produzione: Walt Disney Pictures, Pixar Animation Studios
Distribuzione: Buena Vista International Italia
Uscita: 2004

Bob Parr (Mr. Incredibile) e sua moglie Helen (Elastigirl) appartenevano a un gruppo dei migliori supereroi del pianeta. Ogni giorno salvavano vite umane combattendo il male e oggi, dopo quindici anni, i due eroi si trasferiscono in una periferia per cercare di riprendere una vita “normale” con i loro tre bambini. Ben presto, quando verranno chiamati su un’isola sperduta per un incarico segreto, Bob e la sua super famiglia accorreranno in soccorso per portare ancora una volta la pace nel mondo impedendo la sua distruzione totale.

Gli Incredibili Pixar

Una normale famiglia di supereroi

Chi non ha mai sognato di avere dei superpoteri? Beh, si tratta di una vera e propria responsabilità, per salvare il mondo e avere un riconoscimento, che vede mascherare la propria privacy per fare i conti con i perfidi nemici. Ma, in realtà, come vive un supereroe? Il quesito sorge per l’appunto ne Gli Incredibili, un meraviglioso e stimolante film Pixar che aveva reso omaggio ai celeberrimi fumetti Marvel. Un tributo sorprendente per merito di un impeccabile lavoro del regista Brad Bird.

Non vi è un messaggio o un “ritratto di famiglia” tradizionale in stile Disney, eppure Gli Incredibili riesce a emozionare ugualmente, a offrire una propria visione, quella dei rapporti umani, e – in più – un’immedesimazione con ciascun membro della famiglia supereroistica: infatti, Bob Parr (Mr. Incredibile) non si abitua a una vita troppo ordinaria mentre Helen (Elastigirl) è ormai rassegnata dall’essere una casalinga isterica, passando inoltre ai bambini – incredibilmente caratterizzati – i quali rappresentano da un lato il classico sbruffone e combinaguai e dall’altro un timido e introverso.

Congiuntamente a questi aspetti e all’egregia realizzazione del Sindrome – peggior nemico di Mr. Incredibile e villain del film – Pixar aveva rasentato un altro capolavoro memorabile, con una storia gremita di idee e gag esilaranti e un ritmo prettamente orientato all’azione. Per non dimenticare dell’animazione in computer grafica: magnifica ed esemplare, in quasi tutte le sequenze del film. Le musiche di Michael Giacchino, tuttavia, strizzano l’occhio anche ai grandi classici di fantascienza – tra i quali ricordiamo James Bond e I Fantastici 4 – richiamando quella giusta atmosfera concernente al genere dei supereroi.

Gli Incredibili

Commento finale

Dopo Monsters & Co e Alla Ricerca di Nemo, ecco Gli Incredibili. Un’opera raffinata sia per le sue tematiche che per la sua realizzazione. Un vero e proprio tripudio di azione, incorniciato da un umorismo alla portata di tutti e momenti coinvolgenti, che si alternano magistralmente a tematiche per niente semplicistiche ma degne di fabbrica. Un altro gioiello di tecnica e contenuto, made by Pixar.

Sull'autore

Luigi Fulchini

Studente e uno dei fondatori di HavocPoint.it. Scrive di videogiochi.

Instagram