Leonid cover Havoc Point Recensione

Leonid – Recensione

Autore: Frederic Brrémaud, Stefano Turconi
Editore: Star Comics
Genere: Avventura
Collana: Graphic Novel

A volte ci scordiamo di essere stati dei bambini. A volte non pensiamo a quelle storie colme di semplicità in cui il plot schematico ci raccontava qualcosa, ci insegnava. Qualche volta però ci accorgiamo di questa mancanza e cerchiamo di recuperare il tempo perduto o di riassaporare quei ricordi. Leonid, il fumetto disegnato da Stefano Turconi (Il Porto Proibito) e scritto da Frederic Brrémaud (Chats!) ed edito da Star Comics ci presenta proprio questo. Una storia semplice, ma pregna di piccoli insegnamenti adatti a tutti.

Dura la vita di un gatto

Leonid è un giovane gatto che vive la sua tranquilla vita a casa con altri due gatti, un cane e un piccolo intruso, un topo. I suoi migliori amici sono però dei randagi e chiaramente sono soliti a burlarsi delle origini del piccolo Leonid. La vita dei divertimenti e delle scorrazzate con gli amici finisce però nel momento in cui due pecore finiscono per essere uccise da delle creature veloci e forti. Il contadino del villaggio lascia andare i suoi due doberman che setacciano la zona annientando una qualsiasi forma di pericolo. Purtroppo non sono loro che si rivelano ad essere dei temibili rivali, ma due gatti albini che con una crudeltà mai vista feriscono tutti e inneggiano all’arrivo dell’Orda. Starà a Leonid prendere coraggio e iniziare una lotta all’ultimo sangue.

La dolcezza dei tratti

Nella nostra recensione de Il Porto Proibito avevamo parlato dello stile di Stefano Turconi, che non si smentisce e ci regala delle tavole meravigliose anche qui. Le linee morbide di ogni vignetta hanno un qualcosa di fiabesco, riconducibile alla Disney (e infatti Stefano Turconi ha lavorato anche su Topolini, WITCH e PKNA anni fa). I lineamenti dei personaggi sono tali da farci innamorare di Leonid, della gattina Ba…., del topolino e anche del gattone rosso.
La sceneggiatura di Frederic Brrémaud come vi avevamo detto prima è semplice ed è adatta perfettamente per una fascia di lettori giovani. I dialoghi sono sempre molto scorrevoli e veloci e la narrazione non ha mai un punto fermo, ma è sempre un turbinio di eventi. Anche gli insegnamenti che possiamo percepire dalla lettura sono profondi e perfetti per la nuova generazione.

Sull'autore

Rostislav Kovalskiy

Un giovane appassionato del mondo videoludico e di tutto ciò che lo circonda. Cresciuto con i videogiochi e libri tra le mani ha deciso di unire la sua passione per la scrittura con quella per i videogiochi ed ecco perché si trova qui.

Instagram