Faith Cover Recensione Havoc Point

Faith Vol. 1 – Recensione

Testata: VALIANT
Nr. Testata: 29
Data di uscita: 16/11/2016
Autori: Jody Houser, Francis Portela, Marguerite Sauvage, Andrew Dalhouse
Dimensioni: 17×26
Pagine: 128

Dalla celebre Star Comics, per la testata Valiant, arriva un concetto totalmente nuovo di supereroe: una blogger curvy dotata di poteri mentali che trova, fra una condivisione e l’altra, il tempo di sconfiggere il male. In questo volume, che raccoglie i primi quattro numeri di Faith (Limited Series), vediamo se Faith è in grado davvero di portare innovazione nel panorama fumettistico internazionale.

Faith, una blogger davvero speciale!

Quando un incidente automobilistico la rese orfana, Faith Herbert fu amorevolmente cresciuta da sua nonna e cercò consolazione nei fumetti, nei film di fantascienza e nelle storie fantastiche dei supereroi. Da adolescente le sue fantasie si trasformarono in realtà quando scoprì di essere una psiota, essere umano dotato di straordinarie abilità innate: Faith è in grado infatti di volare grazie alla telecinesi e possiede un campo compagno che le consente di spostare fisicamente gli oggetti. La nostra supereroina curvy si unì quindi ad un gruppo di persone speciali come lei, i Renegades, per combattere insieme le forze del male. Successivamente Faith si distaccò dal gruppo e decise di fronteggiare da sola il crimine. E’ dura, per una blogger per Zipline di giorno e supereroina di notte, farcela senza aiuto, ma la fede di riuscire non le manca, come suggerisce il suo nome. Col verificarsi di strane sparizioni a Los Angeles, che coinvolgono ragazzi potenziali psioti, ritorna la minaccia di un nemico instancabile e ben organizzato.

Con queste premesse Faith Herbert irrompe prepotentemente nei nostri cuori, incarnando in tutto e per tutto il modo di essere di un reale fan della pop cultura: continue citazioni estrapolate dalle saghe cardine del mondo “nerd” e non, fra cui Il Signore degli Anelli, Star Wars (più volte) e le pellicole di Joss Whedon, rendono la lettura divertente e scorrevole. Jody Houser (Max Ride: Ultimate Flight, Orphan Black e X-Files), autore dei testi per Faith, non delude le aspettative dovute al suo curriculum, permettendo al lettore, tramite dialoghi e battute accattivanti, di affezionarsi subito alla protagonista. Faith è una ragazza piena di insicurezze alle prese con le difficoltà quotidiane, al lavoro come nei rapporti sentimentali, che tenta, nel frattempo, di sventare minacce al Pianeta Terra. Il concept di base è vincente e lo dimostra ad ogni pagina, spingendo il lettore verso la fine del volume, in men che non si dica.

Faith oltre la superficie: una critica alla società moderna

Uno degli aspetti più interessanti riscontrabili in Faith, è la capacità del fumetto stesso di illustrare la realtà interna ai blog, una realtà fatta di corsa alla notizia, creazione di contenuti popolari, e al contempo mostrare l’indifferenza dei blogger stessi verso le news riportate. Viviamo in una società in cui il trash fa notizia, viene espressamente richiesto dagli utenti e porta notorietà, denaro, sia ai protagonisti diretti che ai cronisti, i quali si accalcano per mettere in pagina le vergogne e gli scandali di vip e non. L’ex fidanzato di Faith è il simbolo di tutto ciò: un supereroe che, dopo aver salvato il mondo, decide di vivere in una lussuosa villa accanto ad un’oca giuliva col fisico da modella. Faith è disgustata da questa realtà malata che attrae le masse, ma non può fare a meno di buttarsi a capofitto nella ricerca di contenuti da pubblicare.

Per dare vita alla nostra Faith Herbert sono stati scelti Francis Portela (Star Wars Tales, JLA-Z, Batman: Gotham Knights, Green Lantern) e Marguerite Sauvage (Thor, Civil War, Bombshells, Bloodshot Reborn), due volti affatto nuovi nel panorama fumettistico. Portela ha avuto ampio spazio per rappresentare circa il 90% della storia dei primi quattro numeri, mentre Sauvage ha dato sfogo alla sua creatività con disegni dal tratto più goliardico, dovendo mettere in scena il pensiero, l’immaginario di Faith. Entrambi riescono pienamente nel compito da svolgere, rappresentando con la giusta grazia una storia abbastanza matura, ma che non smette mai di prendersi poco sul serio.

Commento finale

Faith costituisce senza dubbio una ventata d’aria fresca nel panorama fumettistico internazionale, riuscendo ad immergere il lettore nella spietata realtà di una blogger in erba, piena di insicurezze e con l’ulteriore peso di dover salvare il mondo ogni tanto. La collaborazione di tanti nomi già noti del settore non delude, creando un prodotto ben sceneggiato e rappresentato. Una lettura consigliata a chi vuole trovare una via di mezzo fra i toni dark dei supereroi più cupi e una narrazione troppo spensierata.

Tag

Sull'autore

Redazione

Instagram