Harley Quinn e la Gang delle Harley – Recensione

Harley Quinn e la Gang delle Harley

Titolo: DC Miniserie 40 – Harley Quinn e La Gang Delle Harley
Linea: Lion
Collana: Dc Miniserie  40
Serie: Harley Quinn e La Gang Delle Harley
Autore: Jimmy Palmiotti, Frank Tieri, Mauricet
ISBN: 9788893514415
16,8×25,6, B, col., 144 pp
Pubblico: Per Tutti
Genere: Supereroi
Titolo da: libreria

Harley Quinn e la Gang delle Harley è una nuova miniserie DC, scritta da Frank Tieri, Jimmy Palmiotti e Mauricet, edita in Italia da RW Edizioni, che prova a raccontare la storia di Harley Quinn, stanca dei soprusi del Joker e di una vita da criminale che sceglie di andare a Coney Island per diventare una supereroina a pagamento, aiutata da alcuni suoi ammiratori. Nonostante alcuni momenti davvero divertenti la storia è molto fragile e, indubbiamente, deludente soprattutto se si è fan di questo personaggio. Ma procediamo con ordine.

Harley Quinn o non Harley Quinn?

Il primo problema che si riscontra riguarda proprio la protagonista, la famosa Harley Quinn, ora, in seguito a una crisi mistica (risveglio spirituale per citare letteralmente il testo) scappa dalla sua vita a Gotham e prova a costruirsi una nuova identità. Prima di spiegare dove sta esattamente esattamente il problema è necessario però ritornare alle origini del personaggio. Harley è nata infatti dal genio di Bruce Timm e Paul Dini per essere la spalla del Joker nella fortunata serie animata di Batman.

Harley è da subito un personaggio all’apparenza eccentrico ed estroverso e solo dopo scopriremo le sue origini, il suo complesso background raccontato nell’episodio (e poi nel fumentto) Mad Love. Da allora Harley è cambiata molte volte, è diventata una folle assassina, ha instaurato una relazione platonica (non tanto) con Poison Ivy ed è stata anche un membro della Suicide Squad. Esistono dunque numerose versioni di Harley Quinn, un personaggio che ha davvero conquistato il pubblico e ha istituito un vero e proprio fandom che la idolatra. La storia vuole giocare proprio sulla fissazione che hanno i fan per Harley, in particolare la loro visione del personaggio, molto spesso banalizzato e appiattito dagli stessi fan e portando gli autori dunque a snaturare Harley e ad aumentare le eccentricità, eliminando di fatto alcune delle caratteristiche più profonde del personaggio (un po’ quello che è successo a Jason Todd).

La storia vuole proprio giocare su questo, sull’amore (e in alcuni i casi l’ossessione) che i fan provano solo verso certi aspetti del personaggio, appiattendola. Il problema però è che l’Harley resa dagli autori della storia è esattamente il personaggio banale e vuoto che per adesso è idolatrato dai fan, lo stesso che alla fine piace e fa guadagnare sul momento molto alla DC ma di cui non rimane niente eccetto un vago sapore di già visto, lasciando un forte senso di delusione.

Pubblicità

Sconti e Offerte

Havocpoint.it
Havocpoint.it27/05/2020 @ 10:40
Havocpoint.it
Havocpoint.it27/05/2020 @ 8:44
Salva è arrivato a un boss potente. Chi vincerà tra i due? Io tifo per il drago.
Havocpoint.it
Havocpoint.it27/05/2020 @ 8:07
Alcune pagine di Batman: The Smile Killer di Jeff Lemire e del buon Andrea Sorrentino.
Havocpoint.it
Havocpoint.it27/05/2020 @ 8:06
Batman e Robin di Giannis Milonogiannis.
Havocpoint.it
Havocpoint.it26/05/2020 @ 21:29
Valentina Remenar e la sua Sailor. La perfezione esiste.
Havocpoint.it
Havocpoint.it26/05/2020 @ 18:21
OnePlus, azienda globale nel settore della tecnologia mobile, annuncia oggi una partnership con Epic Games, dedicata ai fan di Fortnite per creare una user experience da mobile senza precedenti per i possessori dei propri device. Con il rollout attualmente in corso, la OnePlus 8 series è la prima linea di smartphone che offre Fortnite a 90FPS sull’Unreal Engine, ottenendo così il frame rate più veloce che sia mai stato disponibile per Fortnite su smartphone.



"OnePlus ed Epic Games hanno creato una delle migliori esperienze di Fortnite su mobile. La OnePlus 8 series offre un’esperienza di gioco fluida, ad altissimo frame rate – difficile da raggiungere anche dall’attuale generazione di console di gioco", ha dichiarato Pete Lau, Fondatore e CEO di OnePlus. "OnePlus crea i migliori dispositivi per il mobile gaming, grazie al nostro display leader di settore, prestazioni rapide e una user experience progettata pensando ai consumatori che si aspettano altissime performance.

Pubblicità