Naruto

La morte di Neji è servita per risvegliare l’amore tra Naruto e Hinata

Gli appassionati di Naruto non dimenticheranno facilmente le sensazioni e le emozioni trasmesse dai personaggi che hanno segnato un punto di svolta per la serie, che perpetuano nella mente lasciando un memorabile ricordo. Una delle peculiarità del manga di Masashi Kishimoto è rappresentata anche dall’importanza dei personaggi secondari, imprescindibili al ritmo degli eventi della trama .

Il carismatico Neji, uno dei primi ad apparire nella serie principale, la cui notorietà è stata ampliata grazie al Byakugan (apparso molto prima dello Sharingan) e al suo clan Hyuga, è un personaggio secondario che ha occupato un posto dominante nel cuore dei fan. Anche se non ha avuto un ruolo chiaro, egli viene ricordato particolarmente per le sue gesta e imprese durante la Quarta Guerra Mondiale Ninja.

Masashi Kishimoto ha rivelato in un’intervista che la morte di Neji è servita per risvegliare l’amore tra Naruto e Hinata e a non permettere che sua cugina morisse. In realtà, egli intendeva anche rendere Hinata un’eroina del manga. Certamente, il sacrificio di Neji ha provocato un malcontento generale tra i fan, ma questa decisione era cullante nella mente dell’autore fin dagli albori del manga.

Ricordiamo che Naruto è un manga pubblicato dal 1999 al 2014 sulla rivista Weekly Shonen Jump.

FONTE: CB

Tag

Sull'autore

Luigi Fulchini

Studente e uno dei fondatori di HavocPoint.it. Scrive di videogiochi.

Instagram