Planetary di Warren Ellis – Recensione

Planetary Recensione

Durante il mio viaggio attraverso il mondo dei fumetti ho affrontato una quantità smisurata di temi che fungevano da pilastro. Dal “cazzeggio” semplice alla politica, i temi sociali, razziali e cosi via. Insomma, leggendo è possibile comprendere e vedere tantissime idee che frullavano in testa agli sceneggiatori. Ho letto con calma tutte le oltre trecento pagine di Planetary, un’opera di Warren Ellis e John Cassaday per capirne appieno la potenza e la profondità, ma ne è valsa la pena. RW Lion ha riportato in versione Deluxe uno dei fumetti supereroistici più particolari e interessanti degli ultimi anni e non potevo non raccontarvi il mio punto di vista.

Indiana Jones e i resti di Godzilla

Parlare di Planetary velocemente è abbastanza difficile, per via della sua struttura. Se credete di prendere in mano un albo con degli eroi che se la danno di santa ragione allora avete ragione solo in parte. Questo perché in realtà Planetary è un agenzia di archeologia. La cosa già di per sé è particolare, ma lo è ancora di più il fatto che si tratta di archeologi che si occupano di resti paranormali. Qui non dovete pensare a X-Files o alle opere simili. L’agenzia in questione conta solo tre membri, con uno quarto la cui identità rimane un segreto (e tra l’altro è il loro finanziatore). Elijah Snow, un uomo che rimasto in vita da più di cent’anni e possiede la capacità di controllare la temperatura. Dal carattere cinico e di facile arrabbiatura egli accetta di entrare nell’agenzia per poi scomparire per sempre da ogni radar e diventare invisibile agli archivi. Tra gli altri membri troviamo la venticinquenne Jakita Wagner, attualmente a capo della squadra e Drummer, un ragazzo ventenne capace di parlare con i computer e tutte le tecnologie.

Questo team cosi particolare si muove all’interno dell’universo Wildstorm con una grazia e segretezza incredibili. Un lettore più attento potrà notare parecchi personaggi dell’universo narrativo, ma sembra che nessuno sappia qualcosa di Planetary all’interno della narrazione degli altri albi di della testata. Alcuni relitti li possiamo vedere anche in alcuni numeri delle varie testate, ma è qui che il tutto viene trattato in maniera giusta e adeguata. Ogni numero è trattato come una storia a sé stante e quindi bisogna essere meticolosi e precisi per collegare alcuni fili della trama di fondo che prosegue di continuo.

Riflessioni post lettura

Come ho detto all’inizio, questo fumetto mi ha colpito e non poco. Si tratta di un albo che bisognerebbe leggere a tutti i costi e la versione Deluxe potrebbe far gola anche a chi lo possiede già. Una prefazione di Alan Moore è un bel inizio per qualsiasi fumetto e può far capire subito la sua imponenza (oltre alle generose dimensioni ovviamente). Alla fine invece è possibile leggere i primi appunti di Warren sul mondo del fumetto e sul significato che ha Planetary per il mondo di Wildstorm, ma successivamente c’è una vera e propria chicca. Sono state trasposte alcune parti della sceneggiatura originale tradotta, grazie alla quale è possibile vedere come avveniva la collaborazione tra i due autori.

Parlando della sceneggiatura vera e propria, invece, Warren Ellis ha svolto un lavoro molto complesso nel costruire la storia che va unirsi a tutto il mondo di un universo già esistente e con delle storie bel delineate. Per tutto questo è servito un grande studio, ma anche una grande passione. Per quanto riguarda le storie che si leggono in Planetary, posso dire che i temi sono tantissimi e con dei personaggi caratterizzati al meglio si leggono delle storie meravigliose. Ovviamente il fascismo, il nazismo e altre dittature sono sempre presenti nelle pagine ed è evidente che Ellis odi tutte ideologie che possiamo considerare maligne al giorno d’oggi.

John Cassaday invece ha gestito i disegni di tutti gli albi. Una gran bella collaborazione quella tra i due e ho trovato meravigliose alcune delle tavole, ma comunque con una qualità generale incredibilmente alta. I personaggi si riconoscono in due istanti e diventa impossibile non apprezzarli. Le linee precise e delicate danno sempre la giusta sensazione di quel che si sta leggendo e sono molto evocative alcune scene di lotte e delle inquadrature molto cinematografiche (di un cinema d’alta classe ovviamente).

Autore:Warren Ellis (sceneggiatura)

John Cassaday. Phil Jimenez, Andy Lanning (disegni)

Editore:RW Edizioni
Genere:Fantascienza – Supereroi
Prezzo:€30.95
Data:2017

Pubblicità

Telegram

Pubblicità

Pubblicità