michael pachter

Michael Pachter: “le esclusive per console non sono più importanti come un tempo”

L’analista sempre controverso di Wedbish SecuritiesMichael Pachter, ha spiegato in un’intervista con GamingBolt che “non è troppo tardi” per Microsoft investire sui giochi first-party in un mercato console dominato da Sony.

In questo senso, Pachter ha detto che c’è ancora tempo, dal momento che le esclusive – seppur vitali per le console – hanno perso rilevanza: No, non è troppo tardi, ma non sono sicuro che le esclusive siano importanti come un tempo. Voglio dire, quando Sony ha lanciato PlayStation, la console era piena di esclusive perché ai giocatori doveva dimostrare perché avrebbero dovuto passare da Nintendo a Sony”.

“In effetti, non sono nemmeno sicuro che l’offerta esclusiva sia il motivo principale per cui i giocatori acquistano le console PlayStation. Penso che comprino una PS4 perché è un dispositivo eccezionale, perché a loro piace il PSN e perché ha buoni contenuti di prima e terza parte. Penso addirittura che preferiscano questa console anche per le esclusive temporanee che offre, e in questo Call of Duty ha aiutato molto”.

Successivamente, Pachter ha considerato che la situazione di Xbox One non è complicata come si possa immaginare: “Penso che Microsoft stia bene. I loro giochi first-party non sono brutti, ma penso che abbiano mercati indirizzabili più piccoli, in quanto non hanno il fascino di un gioco Sony o Nintendo. Sony sta facendo un grande lavoro sui titoli single-player, ma Microsoft è impegnata a concentrarsi sul multiplayer. Penso che la differenza principale tra Sony e Microsoft non sia la qualità, nonostante Sea of ​​Thieves”.

Diversi mesi fa, Phil Spencer ha assicurato che Microsoft sta lavorando sui giochi single-player. Cosa sta bollendo nella pentola?

FONTE: Gamingbolt

Sull'autore

Luigi Fulchini

Studente e uno dei fondatori di HavocPoint.it. Scrive di videogiochi.

Instagram