Detroit Become Human e l’evoluzione definitiva degli Interactive Drama

Uno dei protagonisti di Detroit Become Human

L’ultima fatica di David Cage è giunta sui nostri scaffali da ormai un mese, ed a seguito di tanti anni di uno sviluppo che definir “travagliato” è riduttivo abbiamo provato nella sua interezza anche questo Detroit: Become Human che, come successo anche per i precedenti lavori targati Quantic Dream, seppur autoproclamandosi il vero “breakpoint” (l’evoluzione delle ormai defunte avventure grafiche), non riesce per via di scelte ludo/narrative già ben rodate dai classici cliché cinematografici a detenere quella personalità tale da assurgere a quel vero salto di qualità tanto ambito.

Il progresso richiede sacrifici

L’inesorabile miglioramento tecnologico rappresenta inopinabilmente la naturale evoluzione (in termini di risoluzione) delle nostre esperienze videoludiche e dall’ormai datato Fahrenheit, ossia prima vera grande produzione di Cage, a questo Detroit c’è effettivamente stato un processo evolutivo atto a bilanciare tutt’oggi i due titoli con un peso specifico ben differente ma che detengono al contempo delle scelte stilistiche alquanto discutibili dal punto di vista oggettivo, soprattutto dal lato narrativo, passabili di critica.

Bisogna essere ben consci di sapersi approcciare a questo vero e proprio genere videoludico, poiché il filo conduttore (nonché grande pregio che li unisce) è la particolare interazione che il fruitore deve esser sottoposto per poter vivere queste esperienze similmente comparate all’universo cinematografico, ma che hanno le potenzialità di offrire al videogiocatore la responsabilità di partecipare “attivamente” anche al susseguirsi degli avvenimenti, per poter farci cambiare e plasmare a nostro diletto l’universo di gioco.

Cage e l’autorialità

Il filone narrativo di Cage è sempre stato oggetto di pesanti stereotipi e di generalizzazione negative a riguardo, ed alle volte anche di pessimo gusto, che riescono purtroppo a denigrare in un modo del tutto ingiustificato la qualità produttiva del buon David. Che, nonostante tutto, è riuscito a dare nuova linfa ad un media videoludico all’epoca ormai stantio di idee, con questa metodologia d’approccio al videogame ripresa a piene mani anche dai titoli di Telltale Games, che è riuscito a proporre storie impattanti come The Walking Dead ma al contempo prive di una propria personalità autoriale: una caratteristica ben presente per esempio in un Metal Gear di Hideo Kojima o nell’ultimo capitolo di God of War di Cory Barlog, i quali riescono a sopraelevarsi a questi ultimi grazie ad espedienti e intuizioni ludo/narrativi davvero ben congeniali.

Purtroppo la personalità autoriale è sempre stata il “tallone d’Achille” di Cage, dal momento che anche in Detroit Become Human ha cercato paradossalmente di adottare soluzioni ludiche e narrative un po’ vecchie, ben rodate, ma senza quel tanto bramato guizzo artistico.

Pubblicità

Sconti e Offerte

Havocpoint.it
Havocpoint.it28/05/2020 @ 16:12
Tre ragazzi a Chayanta, in Bolivia, hanno avuto la brillante idea di farsi mordere da una vedova nera sperando cosi di ottenere gli stessi poteri di Spider-Man. La notizia è riportata da Daily Mirror. Secondo la testata, i tre ragazzi di 8, 10 e 12 anni hanno trovato una vedova nera mentre la madre...
Havocpoint.it
Havocpoint.it28/05/2020 @ 15:24
Adoro i trailer cinematici *_*
Havocpoint.it
The Elder Scrolls Online - Trailer di lancio Cuore oscuro di Skyrim
Esplorate il Cuore oscuro di Skyrim con The Elder Scrolls Online: Greymoor. Visitate le cime innevate di Skyrim occidentale e il mondo sotterraneo di Blackre...
youtube.com
Havocpoint.it
Havocpoint.it28/05/2020 @ 14:55
Become the strongest pilot and dominate the battlefield in three frenetic multiplayer modes. Available June 16 on PlayStation 4, Xbox One, and Steam. Pre-ord...
Havocpoint.it
Disintegration - Multiplayer Modes Trailer
Become the strongest pilot and dominate the battlefield in three frenetic multiplayer modes. Available June 16 on PlayStation 4, Xbox One, and Steam. Pre-ord...
youtube.com
Havocpoint.it
Havocpoint.it28/05/2020 @ 14:29
Dieci anni fa, più di 300.000 abitanti di Philadelphia sono scomparsi dentro Oblivion – una dimensione parallela alla nostra, popolata da esseri sconosciuti e terrificanti – durante la catastrofe passata alla Storia col nome di Trasposizione. Sette anni dopo è stata innescata una seconda Trasposizione, ma di dimensioni sensibilmente più ridotte.

Giovedì 28 maggio tutti i lettori di OBLIVION SONG, la serie scritta da Robert Kirkman, disegnata da Lorenzo De Felici – co-creatori della serie – e colorata da Annalisa Leoni potranno finalmente scoprire cos’è accaduto dopo che Nathan e Ed si sono ritrovati, dopo che la seconda Trasposizione ha di nuovo sconvolto la vita di Philadelphia e dopo che Nathan ha pagato per i propri errori. Esce, infatti, OBLIVION SONG vol. 4 (pagg. 144, euro 14,90 brossurato e 19,90 cartonato), un arco narrativo che imprime una svolta decisiva alla serie, mettendo al centro della scena i misteriosi e minacciosi Senza Volto.

Oggi il mondo è andato avanti: grazie alle scoperte di Nathan Cole e alla collaborazione di suo fratello Ed – uno dei tanti che hanno scelto di vivere a Oblivion – la scienza ha potuto compiere passi da gigante. Ma la situazione è tutt’altro che rassicurante: Oblivion, infatti, non ospita solo animali dalle forme e dalle dimensioni inimmaginabili, ma anche una razza intelligente. I Senza volto, creature scientificamente avanzatissime e dalle intenzioni ancora sconosciute, si fanno sempre più vicini… e più temibili.
Havocpoint.it
Havocpoint.it28/05/2020 @ 14:20
E' di bell'aspetto e picchia duro come un martello! Kate O'Hara è cresciuta nel Colorado rurale, sognando la fama e il glamour delle grandi città. Ma ha imparato fin da subito ad andare d'accordo con il selvaggio West, dove la maggior parte degli uomini non sono veri signori e molto spesso capiscono chiaramente solo il significato di un calcio gioioso nei loro...beh, gioielli di famiglia.

Kate può abbattere i suoi nemici ad una distanza ravvicinata - e ha molti modi per entrare nella mischia. Naturalmente, lei ama utilizzare outfit differenti e utilizza il suo fascino travolgente per distrarre gli avversari. E se questi trucchi intelligenti falliscono, si affida al migliore amico di una ragazza: il suo Derringer!
Havocpoint.it
Desperados III - Kate O'Hara Trailer
Kate grew up on the O'Hara family ranch in Colorado in the care of her Uncle Ian. She knows very little of her parents, a Derringer being her only memento of...
youtube.com
Havocpoint.it
Havocpoint.it28/05/2020 @ 11:13

Pubblicità