Microsoft non vuole creare Minecraft 2 perché “non è quello che i fan vogliono”

Minecraft 2

I giocatori di Minecraft non vogliono un seguito… O almeno così pensa la Microsoft. Il capo della divisione Xbox, Phil Spencer, ha negato la volontà di produrre un Minecraft 2 per Xbox One perché, difatti, l’azienda vuole soltanto “migliorare Minecraft”.

In una discussione con Eurogamer, Phil ha affermato che i giochi amati e seguiti in questa generazione avranno un futuro anche con i prossimi hardware, rendendoli di fatto immortali. “È improbabile vedere un ‘2’ dopo quelli”, ha detto. “Visto che la gente prova a farti andare verso la versione successiva di quei giochi”.

Microsoft, che ha acquistato Minecraft nel 2014, si è dunque decisa ad andare contro l’idea di apporre un 2 al suo titolo, prendendo questa ferma posizione insieme alla sua dichiarazione. È chiaro che Phil Spencer abbia accolto i bisogni dei giocatori di continuare a godere Minecraft, che è in continua evoluzione, senza dover cambiare console.

Questo è decisamente è ciò che i giocatori vogliono, perché il sandbox, dopotutto, non è quel tipo di gioco che ha bisogno di particolari miglioramenti grafici. La sua particolarità è tale da essere godibile anche nella sua versione grezza, evitando quindi la necessità di apportare miglioramenti grafici.

Personalmente, mi trovo pienamente d’accordo con la sua affermazione, visto che piuttosto di un nuovo titolo praticamente uguale al precedente, è preferibile avere un nuovo aggiornamento del gioco, con eventi e nuove modalità. La pensate anche voi così?

Fonte: EurogamerPCGamesN

Pubblicità

Telegram

Pubblicità

Facebook Feed

Foto dal post di Havocpoint.it

Havocpoint.it

22 ore 52 minuti fa

Svelate le cover di Spawn #301.

Havocpoint.it

23 ore 2 minuti fa

Mondo ha mostrato questo poster in edizione limitata di Spider-Man: Un Nuovo Universo.

Havocpoint.it

23 ore 5 minuti fa

L'aeronave in Minecraft fa più paura del più spaventoso dei mostri

Havocpoint.it

1 giorno 1 ora fa

E se The Witcher fosse ambientato negli anni 80?

Pubblicità

Inline
Inline