Le domande a cui Kingdom Hearts 3 dovrà darci una risposta

Kingdom Hearts III

Con l’arrivo di Kingdom Hearts 3 alle porte l’attesa sembra farsi sempre più estenuante, anche se è quasi giunta al termine. La sua uscita segnerà, in un certo senso, la fine di un’era iniziata il 2002 con il primo capitolo. Uno dei motivi principali per cui questa serie è amata, oltre al suo gameplay, è senza alcun dubbio la trama convoluta. Tra le tante cose che mi aspetto dal terzo capito, la prima fra tutte, è sicuramente il darci delle risposte, risposte alle tante domande che ad oggi i vecchi capitoli della saga, così come i vari trailer rilasciati, hanno instillato. Fate attenzione però, questo articolo, per ovvie ragioni, conterrà spoiler di trama riguardo ai capitoli rilasciati ad oggi e richiami alle scene più coinvolgenti dei trailer rilasciati da Square Enix.

Il salvataggio di Aqua

Una delle scene, viste nei trailer, che più di tutte ha destato la mia attenzione è sicuramente contenuta negli ultimi secondi del trailer rilasciato allo scorso E3. Qui vediamo un’Aqua consumata dall’oscurità dire a topolino di essere arrivato troppo tardi. Con il finale segreto di Birth By Sleep e con Kingdom Hearts 0.2 abbiamo visto come Aqua fosse rimasta intrappolata nel mondo dell’oscurità. Ma nel finale di 0.2 afferma il suo desiderio di diventare un faro di speranza per tutti coloro che avessero smarrito la propria strada all’interno del reame dell’oscurità. Ed è quindi per questo motivo che il vederla con gli occhi gialli ed i capelli bianchi (segno della possessione di Xehanort) è stato, per quanto prevedibile, scioccante. C’è da chiedersi però, come sia stato possibile una cosa del genere, per quale motivo ha ceduto all’oscurità e come ha fatto Xehanort (se di lui si tratta) a raggiungerla per poi contagiarla? E soprattutto come verrà salvata da Sora?

KHIII

Il destino di Terra

Questo invece è un punto simile al primo, ma allo stesso tempo diverso. Come Aqua, anche Terra è stato posseduto dalla malvagità del cuore di Xehanort, ma a differenza della sua compagna d’armi il fatto è avvenuto davanti a tutti creando quello che fino a Birth By Sleep era per tutti noi il vero Xehanort, colui dal quale si sono generati sia il falso Ansem, cercatore dell’oscurità sia il nessuno Xemnas. Quindi colui che più di tutti ha causato problemi a Sora ed i suoi amici. E nonostante con il finale segreto di Kingdom Hearts Birth By Sleep, abbiamo visto che nel suo cuore era ancora in lotta con Xehanort aiutato dal maestro Eraqus, ad oggi tutto ciò che abbiamo potuto vedere è opera di Xehanort. Quindi le possibilità sono che la battaglia sia ancora in corso nel suo cuore o l’abbia definitivamente persa. Tuttavia, sono ancora fiducioso riguardo al fatto che potrebbe essere (e sicuramente sarà) salvato con un ulteriore aiuto, magari quello di Aqua stessa dopo che sarà tornata in sé.

Il risveglio di Ventus

Con Ventus ecco un altro punto dedicato al terzetto di Birth By Sleep, questa volta però non si tratta di oscurità, o almeno non direttamente. Ricorderete che, dopo la battaglia con Vanitas, il cuore di Ventus è stato danneggiato e questi è caduto in uno stato catatonico da cui ancora non si è risvegliato. Aqua lo mise al sicuro alla terra di partenza rendendola poi il castello dell’oblio. Tuttavia, adesso ha dormito fin troppo ed è arrivato il tempo di risvegliarlo, anzi, i trailer parlano ben chiaro, Ventus è (ovviamente) presente. Le domande da porsi, però, sono sempre tante. Come e da chi verrà risvegliato? Con Aqua sotto il controllo di Xehanort potrebbe essere molto probabile che questi sappia, condividendo ora i (di lei) ricordi, come raggiungerlo. Ed è probabilmente questo il motivo per cui nei trailer possiamo scorgere quella che sembra la terra di partenza, quindi un Castello dell’oblio che tornerà al suo stato originale. E cosa ci fa lì Vanitas? Che sia ‘troppo tardi’ anche per Ven?

Il piano di Xehanort

Ed ecco che arriviamo ad uno dei probabili punti focali della trama di Kingdom Hearts 3 ovvero il piano di Xehanort, l’originale Xehanort, ovvero ricreare il χ-Blade per controllare il Kingdom Hearts che gli garantirà un potere in grado di ricreare i mondi a proprio piacimento. Dopo il fallimento di Birth By Sleep, in Dream Drop Distance ha annunciato di aver le idee ben più chiare sul come forgiare l’arma suprema, utilizzando 13 elementi di oscurità e 7 di luce, ovvero la sua organizzazione e i guardiani che la combatteranno. C’è da chiedersi quindi se ci riuscirà questa volta e come potrà essere fermato con in mano un’arma di tale potenza? Cosa, invece, accadrà ai 20 elementi necessari per forgiarlo?

Il mistero di Roxas e Xion

Un’ulteriore punto di discussione non può che essere la misteriosa presenza nei trailer di due personaggi che gli scorsi Kingdom Hearts ci aveva fatto credere “scomparsi” definitivamente. Se potevamo aspettarci una presenza di Roxas – nonostante questi si sia, di sua spontanea volontà, riunito con Sora – la presenza di Xion è invece molto più enigmatica. Per quanto non sia ancora del tutto chiaro se le scene che la riguardavano fossero frutto di un flashback o altro, data la sua presenza in copertina è abbastanza chiaro che ci sarà un ruolo anche per lei. Per quanto riguarda Roxas potremmo ipotizzare un ritorno dettato dal fatto che non sia mai veramente “morto”, magari un ritorno per un salvataggio in extremis di Sora o chissà cos’altro. Per Xion invece è azzardato fare ipotesi, con la sua morte la sua esistenza è stata completamente cancellata, anche dai ricordi delle persone venute a contatto con lei, quindi un suo ritorno è qualcosa che deve per forza di cose trovare una spiegazione all’interno di Kingdom Hearts 3.

La disperazione di Sora

Per ultimo (ma non per importanza) non possiamo che parlare del nostro Eroe del Keyblade e del fatto che negli ultimi due trailer rilasciati per il gioco lo possiamo vedere completamente devastato. Forse potrebbe sembrare esagerato, ma dopo i trascorsi di Sora, che conosciamo come un ragazzo che affronta ogni avversità con il sorriso stampato sul viso, vederlo in quelle condizioni non può che farti pensare al peggio! C’è da dire però, che finalmente il protagonista della saga sembra essere maturato, quindi ciò non può che essere un bene. Tornando al suo grido disperato, la prima cosa che mi verrebbe da pensare è un’importante perdita, la perdita forse del suo più grande amico, Riku. Oppure la scomparsa di tutti i suoi amici che però potranno esser salvati. Ci sono tantissime possibilità che adesso ci sfuggono ad aver potuto portato Sora al limite e, scoprire cosa stia succedendo in quel frangente, è tra le cose che più mi preme scoprire.

Pubblicità

Pubblicità