Johnny Depp ha denunciato l’ex moglie Amber Heard per diffamazione per 50 milioni di dollari

Johnny Depp

Il divo dei Pirati dei Caraibi, Johnny Depp, ha iniziato una causa con la sua ex moglie Amber Heard affermando che le molestie raccontate dalla donna sono solo un abile mistificazione. Grazie ai documenti giudiziari mostrati da The Blast, Depp afferma che Amber cercava un modo per aumentare la propria visibilità e migliorare cosi la propria carriera da attrice.

Dai documenti si evince che tutte le accuse sono state definitivamente confutate dalle testimonianze dei poliziotti, di alcune persone neutrali e di 87 nuovi video della sorveglianza.

L’accusa cita anche un editoriale scritto da Amber Heard su The Washington Post nel 2018 in cui da figura pubblica rappresenta tutte le violenze domestiche subite dalle donne. Nonostante Depp non sia mai stato citato all’interno dell’articolo, dopo le varie notizie mostrate nel corso degli anni era chiaro che molti riferimenti erano dedicati proprio a lui.

Depp non solo sostiene della falsità delle accuse della Heard, ma ribatte dicendo di essere stato lui quello che ha subito le violenze domestiche. Una volta, sua moglie gli ha lanciato contro una bottiglia di vetro che ha schivato a malapena. Nonostante questo, la sua mano ha riportato delle ferite tali da dover subire un intervento in modo da poter riattaccare il dito.

La causa di Depp recita:

“La signora Heard sapeva che la sua elaborata messinscena funzionava: come risultato delle sue false accuse contro Mr. Depp, la signora Heard divenne una beniamina del movimento #MeToo, fu la prima attrice nominata come campionessa dei diritti umani dell’Ufficio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, è stata nominata ambasciatore per i diritti delle donne presso l’American Civil Liberties Union, ed è stata assunto da L’Oreal Paris come sua portavoce globale “.

Depp ha inoltre accusato l’editoriale di Amber Heard per aver minato la sua carriera nel franchise dei Pirati dei Caraibi e degli Animali Fantastici.

FONTE: Comicbook

Pubblicità

Pubblicità