Lo sceneggiatore di Avatar – La leggenda di Aang è accusato di comportamenti misogini

Avatar - La leggenda di Aang

Lo sceneggiatore di Avatar – La leggenda di Aang e il co-creatore di Dragon Prince, Aaron Ehasz, è stato accusato di atti misogini sul suo posto di lavoro.

La prima accusa parte dall’account Twitter di un ex editor di Riot Games, che ha raccontato alcuni fatti della vicenda. Aaron è accusato d’aver trattato la sua collega peggio di una segretaria e per aver preso le sue idee per poterle usare. Ha inoltre detto di voler assumere l’editor a tempo indeterminato, ma l’ha licenziata senza alcun motivo insieme ad altre persone. Talvolta portava i propri figli lasciandoli con i membri femminili dello staff senza chiedere alcun permesso. Ha inoltre detto agli altri colleghi che la donna è “un’arpia strillante” che ha usato anche la forza fisica.

Altre donne hanno poi parlato di altre pratiche scorrette da parte di Aaron come il non ascoltare alcun parere femminile e soprassedere su ogni loro pensiero. Gli altri uomini hanno sempre detto di quanto fosse disonesto Aaron, ma poi finivano per trattare tutte le donne come una barzelletta d’ufficio. Un’altra donna ancora ha detto che lasciare l’azienda è stata la sua miglior decisione. Ogni giorno veniva al lavoro piangendo e si sentiva sempre una nullità davanti ai colleghi maschili.

Insomma, dietro una serie animata cosi ben organizzata si nasconde il male puro, quello del maschilismo e della denigrazione.

FONTE: CBR

Pubblicità

Sconti e Offerte

Pubblicità