Draugen (PS4) – Recensione

Ricordo ancora con sorriso una puntata di Grand Tour (disponibile su Amazon Prime Video) ambientata nella penisola scandinava. Jeremy scherzava su quel classico genere scandinavo cinematografico (ovviamente esagerando) in cui una donna risolve un caso misterioso guardando per ore un lago. Dico questo non perché Draugen sia un gioco brutto, ma piuttosto perché a un certo punto della storia mi è sembrato proprio questo. La storia nasce parzialmente nel 2013, ma dopo tanti reboot, ci troviamo per fortuna davanti a qualcosa di diverso dall’idea iniziale. Draugen di Red Thread Games è un thriller-noir che prende per la sua semplicità e proprio per questa semplicità, cattura senza alcun problema il giocatore, che in questo caso sono io.

Draugen

Lo spirito del passato

Siamo nel 1923 e su una barca a remi ci dirigiamo verso Graavik, un villaggio speduto nel cuore della Norvegia. Ci troviamo a interpretare Edward Charles Harden, un americano il cui scopo è quello di ritrovare la sua sorella perduta, Betty. Ad accompagnarci ci sarà una giovanissima ragazza di nome Alice, che in certi punti sarà anche il personaggio più naturale dell’intera vicenda. Arrivati all’interno del villaggio è chiaro che qualcosa non va. Non c’è nessuno da nessuna parte e se inizialmente questa sensazione sembra non destare molte preoccupazioni, ben presto tutto cambia.

Draugen

Quello che risulta essere particolarmente interessante in questa storia è la psicologia di un personaggio cosi complesso e strano come Edward. L’uomo ha un ossessione malsana verso sua sorella scomparsa e questa lo porta e non provare nessuna empatia verso gli altri. Risulta facile capire che la sua debolezza racchiude molti più problemi di quanti da a vedere, ma la storia ce ne mostra solo alcuni. Risulta comunque chiaro che l’intento iniziale della narrazione del gioco è ancora presente, anche se non vediamo nessuna vera presenza.

Draugen_20200229224512

Il non gameplay che serve

Il gameplay di Draugen è semplice, quasi banale. Si tratta di un titolo simile a tanti altri in cui l’esplorazione guidata la fa da padrona, narrandoci una storia con un ritmo serrato. Questo ovviamente vuol dire che non ci annoieremo comunque, ma camminare senza poter fare praticamente niente è un’esperienza per chi ama questo genere. Cosa logica, ovviamente. All’interno del gioco potremo prendere gli oggetti, scavalcare le barriere e in generale muoversi abbastanza liberamente, ma i tasti necessari per tutto questo sono due o tre in croce. L’unica parte diversa arriva con i dialoghi, in cui potremo cambiare decidere le risposte in base alle nostre esigenze.

Draugen

Il budget di Red Thread Games di era piuttosto risicato durante lo sviluppo e ciò lo si nota da subito. Sicuramente hanno influito i reboot, ma in linea generale posso dire che in questo caso ci troviamo davanti un indie game piuttosto classico. Le figure poligonali umane sono piuttosto precise e dettagliate, e cosi anche i molteplici oggetti contenuti nelle case, ma gli alberi, l’acqua e la vegetazione in generale mostrano i limiti tecnici del gioco. Questi limiti, però, mostrano la parte artistica, che arde in modo deciso. Il quadro pittoresco che alla fine dei conti ne viene fuori cattura lo spirito da fotografi di ogni giocatore. Ad aiutare alla totale immersione ci pensano sia l’ottimo doppiaggio inglese, sia la colonna sonora evocativa. La durata del gioco è di un paio d’ore, ma forse è meglio cosi.

Draugen
  • 7.5/10
    - 7.5/10
7.5/10

Commento Finale

Draugen è un’avventura che ne ha passate di tutti i colori prima ancora di uscire. La narrazione ha dalla sua una grande linearità verticale e la psicologia la fa da padrona. Purtroppo il gameplay poverissimo ne risente insieme allo stile grafico minimale, ma si sente il tocco artistico in ogni pixel.

Pubblicità

Sconti e Offerte

Havocpoint.it
Havocpoint.it26/05/2020 @ 21:29
Valentina Remenar e la sua Sailor. La perfezione esiste.
Havocpoint.it
Havocpoint.it26/05/2020 @ 18:21
OnePlus, azienda globale nel settore della tecnologia mobile, annuncia oggi una partnership con Epic Games, dedicata ai fan di Fortnite per creare una user experience da mobile senza precedenti per i possessori dei propri device. Con il rollout attualmente in corso, la OnePlus 8 series è la prima linea di smartphone che offre Fortnite a 90FPS sull’Unreal Engine, ottenendo così il frame rate più veloce che sia mai stato disponibile per Fortnite su smartphone.



"OnePlus ed Epic Games hanno creato una delle migliori esperienze di Fortnite su mobile. La OnePlus 8 series offre un’esperienza di gioco fluida, ad altissimo frame rate – difficile da raggiungere anche dall’attuale generazione di console di gioco", ha dichiarato Pete Lau, Fondatore e CEO di OnePlus. "OnePlus crea i migliori dispositivi per il mobile gaming, grazie al nostro display leader di settore, prestazioni rapide e una user experience progettata pensando ai consumatori che si aspettano altissime performance.
Havocpoint.it
Havocpoint.it26/05/2020 @ 18:15
Il 28 agosto torneremo a correre nei campi infiniti.
Havocpoint.it
[IT] Captain Tsubasa: Rise Of New Champions - Release Date Reveal Trailer - PS4/PC/SWITCH
Players imitate, legends invent ⚽ On 28 August, get ready to join the big leagues with your favorite characters when Captain Tsubasa: Rise Of New Champions l...
youtube.com
Havocpoint.it
Havocpoint.it26/05/2020 @ 11:18
BAO non sbaglia mai un colpo.
Havocpoint.it
Havocpoint.it25/05/2020 @ 11:25
Partono ufficialmente gli sconti PlayStation dedicati ai giochi, abbonamenti Plus e Now e molto altro ancora!
Havocpoint.it
Havocpoint.it25/05/2020 @ 10:59
Il design di Pete Woods sarebbe bello vederlo in qualche miniserie

Pubblicità