Il ricordo dell’inverno con Chouffe N’Ice

Chouffe N'Ice

Io ho una passione verso la birra belga con il piccolo gnometto sull’etichetta, la Chouffe. Inutile dire che davanti alla versione invernale, la N’Ice, non ho resistito e sono tornato a casa con qualche bottiglia di birra nuova da bere. Il marchio nasce nella provincia di Lussemburgo, nella cittadina di nome Achouffe e da questa deriva anche il nome della birra. 

La birra si presenta subito con la tipica bottiglia dell’azienda. Due formati e due bottiglie diverse. A differenza della classica Chouffe, la N’Ice si presenta con l’etichetta blu che richiama l’inverno. Due gnomi accendono il fuoco e intanto la birra accende l’anima. Si tratta di una Strong Dark Ale di 10%, che danno in testa. Il colore è quasi marrone con una schiuma corposa e altamente persistente. 

La bomba arriva al naso con un vero e proprio bouquet profumato. In questo è facile da riconoscere il sentore della liquirizia, frutta, caramello, le spezie e gli agrumi. Ci si perde davanti a una tale quantità di odori che si mescolano insieme per farvi dire: “WOW”. Il gusto verte verso il dolce durante le prime sorsate, ricordando il sapore del toffee e frutta. In seguito arriva il retrogusto amarognolo e parecchio piacevole. 

Si tratta di una birra da bere in tranquillità durante la visione di un bel fantasy per sognare ancora di più.