Clementine: Libro Uno

The Walking Dead: Clementine Libro Uno di Tillie Walden – Recensione

Dopo un’attesa fin troppo enorme, sta per giungere a conclusione la serie televisiva The Walking Dead e ovviamente non posso che essere felice per questa notizia. Intanto l’universo a fumetti della serie continua a espandersi e stavolta lo fa prendendo spunto anche dai classiconi targati Telltale. Un grande universo che è andato a espandersi ulteriormente (proprio come lo sta facendo anche quello televisivo). Grazie alla casa editrice saldaPress eccomi a parlarvi di Clementine: Libro Uno firmato dalla bravissima Tillie Walden. Un’autrice che ha sempre saputo regalarci un po’ di umanità grazie ai suoi personaggi.

Offerta

Ovviamente bisogna dire che per godere appieno di questo fumetto vi consiglio di giocare a tutte le stagioni del videogioco uscito su ogni piattaforma. Questo perché il fumetto è un suo seguito diretto. Quindi se non volete qualche brutto spoiler, no leggete questo testo.

Clementine è una giovane donna che vaga in un mondo popolato da morti viventi. Non è più quella ragazzina curiosa e impaurita che abbiamo conosciuto in quella prima e splendida stagione del gioco. Cresciuta e incattività, si sposta sulle stampelle per la mancanza del piede in cerca del nord. Un viaggio che dovrebbe portarla verso la pace e la tranquillità, ma che non ha mai trovato. Ovviamente i suoi piani cambieranno dopo la visita a un villaggio di persone Hamish. In questo luogo Clementine riceverà una vera protesi in legno e soprattutto conoscerà un giovane che la accompagnerà nel suo lungo percorso, Amos.

Noi, lettori di The Walking Dead, sappiamo bene che ogni nuova conoscenza equivale a un possibile pericolo o una morte. Sappiamo bene che nulla è per sempre e che tutti siamo destinati a morire. Conosciamo il rischio del creare un legame affettivo con qualcuno, per poi dovercene separare. Ebbene, Tillie Walden riesce a penetrare ulteriormente la barriera innalzata da Clementine, mostrandoci il suo animo ancora fin troppo malleabile.

La narrazione di Clementine: Libro Uno è un crescendo di emozioni in cui finiremo per conoscere delle nuove personalità e delle motivazioni che ancora ci erano sfuggite. Come sempre, una grandissima attenzione è stata indirizzata verso la giovane protagonista e verso il suo rapporto con gli altri. Quell’odio nei confronti di tutti per colpa del suo passato parecchio sfortunato. Nessuno dei protagonisti però sfuggirà a questa radiografia, che ne rivelerà i punti forti, ma anche le debolezze, le paure e i desideri. Il tutto in modo del tutto inaspettato, in classico stile che abbiamo visto per anni.

Lo stile di Tillie è riconoscibile in mezzo a un milione di altri. Il tratto è un po’ stridente, delle volte volutamente impreciso, ma sempre per un motivo. In certi punti è percepibile quasi un’aura fiabesca in questa storia. Almeno all’inizio, durante il primo periodo dell’avventura di Amos e Clementine. Eppure, l’oscurità è sempre presente, una costante all’interno della storia. L’oscurità che si mostra poche volte a dire il vero, ma tanto basta per farci capire dove ci troviamo e con chi abbiamo a che fare. La verità è che l’autrice ha deciso di puntare tutto sulle questioni personali, sulle relazioni, sull’amicizia e sulla diffidenza verso il prossimo. Bisogna dire inoltre che tutto l’albo è stato disegnato utilizzando un iPad, dimostrando ancora una volta le potenzialità di un oggetto di questo tipo nelle sapienti mani.

Un ottimo risultato devo dire, Clementine: Libro Uno si legge tutto in una botta. Ora non ci resta che attendere il secondo libro.

Clementine: Libro Uno cover Tillie Walden

Sull'autore

Rostislav Kovalskiy

Un giovane appassionato del mondo videoludico e di tutto ciò che lo circonda. Cresciuto con i videogiochi e libri tra le mani ha deciso di unire la sua passione per la scrittura con quella per i videogiochi ed ecco perché si trova qui.

Instagram