Destiny 2: L’Eclissi – Recensione

Destiny 2: L'Eclissi la nuova espansione del gioco targato Bungie

Nel mondo dei giochi Gaas uno dei principali titoloni è Destiny 2 senza alcun’ombra di dubbio. Nel corso degli anni gli sviluppatori hanno imparato ad ascoltare i fan a creare una narrazione in continuo divenire e ad aumentare un hype che poteva scemare da un momento all’altro. In effetti, Bungie ha avuto l’abilità di alzare l’asticella qualitativa di un progetto nato con tantissimi difetti, fino a renderlo un gioco di culto per gli amanti della fantascienza. L’attuale arco narrativo sta giungendo al termine e ci sta portando verso un nuovo inizio, quello della fine. Eppure Destiny 2: L’Eclissi non raggiunge l’apice della meraviglia, ma nonostante ciò conquista il giocatore grazie a una campagna equilibrata e interessante.

Destiny 2: L'Eclissi  la nuova espansione del gioco targato Bungie

L’inizio della storia ci mostra un carismatico e cattivissimo Testimone che con l’aiuto della potenza di Calus riesce nel suo intento. Sferra un attacco senza precedenti al Viaggiatore, che ovviamente verrà protetto dai Guardiani. Questo dà il via al periodo buio, all’inizio della fine. Inizia così l’Eclissi.

La storia prosegue attraverso delle cutscene che in verità funzionano come un unico grande filmato, frammentato in più parti. Questo porta a uno dei difetti della struttura narrativa del gioco, che appare forse un po’ troppo frammentaria e senza un vero mordente. Il Testimone è comunque un gran bel personaggio, ma anche qui, non conosciamo ancora cosa farà in futuro e quindi è ancora presto per tirare un vero giudizio. Ciò che funziona sono i dialoghi e i luoghi che andremo a visitare, ma per quanto riguarda i dialoghi, bisogna prima dire che alcuni dialoghi potrebbero apparire senza un senso. Dialoghi slegati dal resto dalla logica che hanno come unica necessità quella di creare il motivo della prossima missione.

Al livello grafico la parte più bella è sicuramente l’enorme Neomuna, una città nascosta su Nettuno e che funzionerà da vero e proprio palcoscenico di quest’espansione. I colori, e le illuminazioni creano un bel fascino futuristico, che però non è assolutamente riscontrabile all’interno del level design. Sembra infatti che la Bungie abbia scelto la via del riposo questa volta, concentrandosi sul riciclo piuttosto che sull’innovazione. Gli ambienti sono in effetti già visti altrove, ma mescolati in modo tale da sembrare del tutto nuovi. Eppure risulta chiaro che non lo sono.

Destiny 2: L'Eclissi la nuova espansione del gioco targato Bungie

Al livello del gameplay in verità non ci sono delle novità veramente importanti in questo Destiny 2: L’Eclissi. A fare praticamente l’unica eccezione è la modalità sovraccarico del terminale in cui dovremo far fronte alla minaccia dei vex e cabal. In fin dei conti è molto divertente, ma finisce per stancare dopo un po’ di tempo.

Ciò che però manca a questa grande Eclissi è forse una varietà di contenuti. Troppo pochi per un prezzo assai esoso da sostenere, ma è anche vero che il fan lo farà più che altro per arrivare in futuro a vedere il finale di questo gioco.

Destiny 2: L'Eclissi
  • 6.5/10
    - 6.5/10
6.5/10

Commento Finale

Destiny 2: L’Eclissi è un’espansione che si lascia giocare ben volentieri e aggiunge un villain veramente interessante e carismatico. In effetti è la parte più bella di tutto il gioco. I contenuti presenti in quest’espansione sono invece abbastanza pochi e anche il level design lascia a desiderare. I fan però troveranno sicuramente interessanti gli enigmi che si lascia questa storia.

Sull'autore

Rostislav Kovalskiy

Un giovane appassionato del mondo videoludico e di tutto ciò che lo circonda. Cresciuto con i videogiochi e libri tra le mani ha deciso di unire la sua passione per la scrittura con quella per i videogiochi ed ecco perché si trova qui.