La Furia di Eternal Warrior #1: Dalle Ceneri – Recensione

Ormai siamo arrivati quasi alla fine del primo ciclo Valiant. Almeno per me lo è, in quanto si tratta di tutte le recensioni dei primi numeri dell’intera collana dei fumetti. Dopo aver visto i ninja iperpotenti, due eroi scalmanati, un’eroina con le curve e la miniserie con tanti eroi tutti insieme, vorrei affrontare La Furia di Eternal Warrior, che abbiamo visto come protagonista proprio di The Valiant. Edito come sempre da Star Comics sotto il marchio Valiant e disponibile in tutte le fumetterie e librerie. Andiamo quindi ad affrontare un’avventura molto più grande di noi, con un personaggio tormentato e immortale.

Muori e rinasci

Immaginate di non poter morire. Di riuscire a trasferivi in un luogo dove la morte non può raggiungervi e la pace regna sovrana su tutta la vostra famiglia e i vostri cari. Questo è ciò che vive Gilad quotidianamente. In una dimensione che potremo definire “il paradiso”, vive una vita con sua magnifica moglie e una moltitudine di figli, avuti in epoche differenti da altre donne. Una vita perfetta e pacifica che però il buon guerriero immortale è costretto ad abbandonare per combattere contro un nemico immortale, lo stesso che abbiamo visto all’interno della miniserie, ma anche per lottare a fianco de suoi compagni di Unity per l’umanità. Prima di poter entrare nel mondo mortale, egli dovrà affrontare un altro pericoloso nemico, ma oltre questo non potrei dire più niente in quanto sarebbe spoiler.

Sangue e torture

Aprendo La Furia di Eternal Warrior: Dalle Ceneri, ci si rende subito conto della vita che ha vissuto Gilad e quindi di tutta la storia dell’umanità. Un breve tracciato di questo e delle varie abilità del protagonista. Perché non morire vuole anche dire poter conoscere le strategie di epoche intere e di essere abili in molteplici stili di combattimento. La storia vede Robert Venditti nel ruolo del narratore e si tratta di un nome che anche gli appassionati del cinema conoscono bene. Grazie a lui dobbiamo il film di fantascienza Il Mondo dei Replicanti con Bruce Willis, tratto dal suo fumetto The Surrogates. Il genere fantascientifico è quindi una normalità per lui, ma qui oltre a quel concetto è presente anche quello del fantasy. I dialoghi, ma fastidiosi, prendono il sopravvento su tutto, con la malinconia della perdita famigliare, del rifiuto di un figlio e della voglia di combattere per il futuro del mondo. Anche se questo significa abbandonare la propria famiglia. Il punto focale della rigenerazione è visto quasi come una reincarnazione, che necessità anche dell’attraversata dell’inferno per poter rinascere nel mondo reale. Si tratta di un’opera che a differenza di ciò che abbiamo visto prima racchiude degli argomenti più maturi e sviluppati secondo una struttura verticale. Non verremo a sapere come l’Eternal Warrior sia diventato immortale, ma veramente importa?

La parte artistica invece è stata divisa equamente tra Raul Allén, Patricia Martin e David Astruga. I tre stili di disegno differiscono per la pesantezza della matita, la regia, la disposizione delle vignette e quindi anche per la tipologia della parte trattata. Matite più leggere, per i tratti più crudi e dettagliati. Matite più pesanti e con meno dettagli minori per quelle parti in cui la pace regna sovrana, ma le espressioni dei personaggi la fanno sempre da padrona e si riesce a stare allo stesso livello mentale di alcuni personaggi dell’albo. L’utilizzo dei toni monocromatici infine infondono qualcosa di nuovo all’intera storia. Infine, bisogna nominare Borja Pindado, che colora in modo maestoso le vignette. Colori spenti e smorti si mischiano con quelli più vividi e si finisce inesorabilmente in un vorticoso interscambio di tonalità.

Autore: Robert Venditti (sceneggiatura)

Raul Allén, Patricia Martin, David Astruga (disegni)

Borja Pindado (colori)

Formato: 17 x 26 cm, B, 112 pp., colori
Editore: Star Comics – Valiant
Genere: Supereroi
Prezzo: 8.90€
Data: 19/07/2017




Rostislav Kovalskiy

Written by: Rostislav Kovalskiy

Un giovane appassionato del mondo videoludico e di tutto ciò che lo circonda. Cresciuto con i videogiochi e libri tra le mani ha deciso di unire la sua passione per la scrittura con quella per i videogiochi ed ecco perché si trova qui.

HAVOC POINT

Havoc Point non costituisce una testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 7/3/2001.
Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari.
Tutti i diritti sono riservati.